Cucina etnica: Orecchiette pugliesi con le cime di rapa

Ingredienti: (per 2 persone) 300 g cime di rapa, 150 g orecchiette fresche, 2 acciughe sottosale, olio aglio sale q.b.
Quando: a pranzo
Con chi: gli autoctoni del Tavoliere
Mood: Ancora Ancora Ancora
[nggallery id=33]

Ultimamente mi sono dedicata molto ai dolci ed alle colazioni, mio Tallone d’Achille. E mentre cercavo un rimedio alla carenza di piatti salati   la Puglia mi è venuta in soccorso (il Dio del cibo provvede) sottoforma di amica+valigia attrezzata per l’occasione.

Tra le varie prelibatezze (burratine e taralli doc per dirne un paio) potevano mancare le cipe di rama, quelle-vere-originalissime fresche-autentiche-con-il-sapore-di-casa-inimitabile?

E dunque ecco qui il procedimento per avere una ricetta tradizionale, semplice da eseguire ma dai risultati strepitosi, specialmente se disponete di ingredienti eccellenti come in questo caso.

Tuffare le cime di rapa in una pentola dove l’acqua stia bollendo e aggiungere -dopo pochi minuti- le orecchiette. La verdura dovrà risultare molto molto tenera quindi regolatevi in base alla sua “durezza” per i minuti di cottura prima di “calare la pasta” .

Nel frattempo fate imbiondire in padella dell’aglio in abbondante olio, aggiungere le acciughe a pezzetti e, se gradito, un peperoncino; le acciughe dovranno diventare quasi una crema. Quando la pasta sarà al dente scolatela insieme alla verdura e saltatela in padella con l’intingolo di aglio e acciughe. Due minuti sul fuoco poi impiattate, servite e godete.

Per conludere, direttamente da Andria una prelibatezza forse meno famosa ma non meno buonissima: i Tenerelli. Gusci di cioccolata al latte/fondente/bianca che nascondono nocciole o mandorle intere. Tutti bellissimi e colorati a richiamare i coriandoli di Carnevale.

Buon appetito, e in Puglia la sanno lunga credo.

Avatar di Alessandra

About Alessandra Scucces

"Adoro scrivere, ridere, e i dolci cremosi. Ho una passione per i sacchetti di carta, un PhD alle spalle e Milano da conquistare. Questo è il mio diario di bordo con la certezza che, qualunque cosa accada, posso sempre dirla su WhatsApp."
This entry was posted in Cucina regionale, Tradizione, Week-end and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>