Di pastori e contadini

Ingredienti: costolette di agnello, olio, aglio, birra q.b., sale q.b., alloro, aneto.
Quando: a cena, e poi muori
Con chi: un’amica sarda come minimo
Mood: però è genuino
[nggallery id=17]

E se ti telefona la tua amica sarda dicendoti Ho l’agnello del pastore, ho le seadas vengo e ceniamo da te, cosa si potrebbe rispondere se non Ok dimmi a che ora.

E dunque prendere le costolette e rosolarle con olio e aglio, sfumare con un pò di birra  e poi insaporirle con i vari odori. Servirlo con una insalata di patate, assaggiarlo e scoprire che fino ad ora non avevo mai mangiato un vero agnello, dal gusto così delicato e appetitoso.    Io che credevo l’agnello puzzasse di default, mi sono dovuta ricredere in un paio di bocconi.

Per quanto sembri retorica, è innegabile che i cibi autentici, esenti da processi di produzione/conservazione/sofisticazione/porcherievarie hanno un sapore diverso, sorprendente.

Se poi all’agnello seguono le Seadas, quei spettacolari ravioli sardi dolci, ripieni di formaggio, fritti e serviti bollenti con un velo di miele…cosa aggiungere? Non ho neppure scattato una foto. Cioè non è che l’abbia dimenticato, non ci ho proprio pensato.

Non stavo pensando a nulla se non a quanto fosse strepitoso e godurioso ogni singolo morso di Seadas, i miei neuroni convergevano esclusivamente lì. Solo dopo aver spazzolato il piatto ho esclamato “oh e le foto?!” ma chiaramente erano lacrime di coccodrillo.

E l’indomani proseguire sulla scia del genuino a km 0 e fare acquisti al mercato contadino. E siccome non  avevo la macchina fotografica lì con me, sono stata costretta a prendere del pane rustico e dei formaggi. Ma solo per fare qualche foto e compensare quelle mancate delle Seadas, senza secondi fini.

Buon appetito, e ogni tanto ricredersi è proprio bello.

Avatar di Alessandra

About Alessandra Scucces

"Adoro scrivere, ridere, e i dolci cremosi. Ho una passione per i sacchetti di carta, un PhD alle spalle e Milano da conquistare. Questo è il mio diario di bordo con la certezza che, qualunque cosa accada, posso sempre dirla su WhatsApp."
This entry was posted in Sapori di casa and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>